Un gruppo di sviluppatori ha intenzione di rendere il linguaggio Swift open source: stanno lavorando ad una implementazione open di Swift ed inoltre richiedono ad Apple di rilasciare il nuovo linguaggio di programmazione come open source.

Un piccolo team di sviluppatori vuole rendere Swift open source, sia realizzandone una versioneopen, sia chiedendo direttamente ad Apple di rendere open source le tecnologie relative a Swift, il linguaggio di programmazione che la Apple ha rilasciato al pubblico nel corso dell’ultima WWDC.

L’ambizioso progetto prende il nome di Phoenix, lo stesso è guidato da Greg Casamento, sviluppatore Objective-C che si è occupato in precedenza di GNUstep: implementazione open source delle librerie OpenStep in Objective C di NeXT, in pratica un lavoro approfondito partendo direttamente dalle “radici” di Cocoa.

Oltre alla creazione di una variante di Swift open source, l’obiettivo di Phoenix è spingere Apple a rilasciare Swift come codice con sorgente libera. In una lettera aperta inviata direttamente a Tim Cook, i membri del progetto evidenziano l’importanza dell’open source nella storia dell’azienda californiana.

Il team spiega che non rendere Swift open source, insieme a Metal, complica la vita degli sviluppatori, rendendo difficile il porting delle loro app o giochi verso Android, costringendoli a scegliere tra le due piattaforme di riferimento.

Naturalmente sappiamo bene che Apple ha raggiunto la sua posizione di dominio anche grazie alla sua politica di chiusura su questi aspetti, sviluppando tecnologie destinate a funzionare solo sulle macchine da loro sviluppate, creando una simbiosi software – hardware quasi perfetta, quindi la riuscita del progetto è molto improbabile.

Vi lasciamo al sito ufficiale si phoenix https://ind.ie/phoenix/

VOLETE ESSERE AGGIORNATI TEMPESTIVAMENTE ALL’USCITA DI UN NUOVO CAPITOLO ? BASTA UN LIKE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!